Costa Del Sud Diving Salento Costa Del Sud Salento Diving Costa Del Sud Diving Salento Costa Del Sud Diving Salento
Costa Del Sud Diving Salento
Costa Del Sud Diving Salento Costa Del Sud Salento Diving Costa Del Sud Salento Diving Costa Del Sud Diving Salento Costa Del Sud Salento Diving Costa Del Sud Diving Salento Costa Del Sud Salento Diving Costa Del Sud Diving Salento Costa Del Sud Salento Diving  
» Tech Diving

Negli ultimi anni lo staff di “Costa del Sud”  ha diversificato l’attività, concentrandosi molto  sulle immersioni tecniche.

Con un’esperienza ormai decennale nelle immersioni con miscele “Trimix” e “Rebreather”, abbiamo ricercato ed esplorato relitti dei quali non si conosceva l’esatta posizione e di cui non se ne aveva alcuna notizia.
Nel 2001 si individua, a circa dodici miglia da Santa Caterina a 85 metri di profondità il “Quail”, cacciatorpediniere inglese affondato nella seconda guerra mondiale a causa di una collisione con una mina.

Le campagne esplorative continuano e nel 2008 rintracciamo una nave da carico armata con cannoni contraerei a 95 metri di profondità, in perfetto assetto di navigazione.Le lunghe ricerche fatte tramite gli archivi della Marina Militare, danno la certezza che si tratta del “Pugliola”, cargo requisito e successivamente armato durante il secondo conflitto mondiale.

Nel frattempo si eseguono missioni esplorative anche sul “Pietro Micca”, sommergibile italiano che giace a 86 metri nei pressi di Santa Maria di Leuca e su altri relitti della zona di cui invece si conosceva già la storia.
Nel 2010, su segnalazione di alcuni pescatori, viene individuato il "Caterina Madre", piroscafo da carico con stazza di 4020 tonnellate, lungo circa 100 metri, requisito ed armato in occasione della seconda guerra mondiale.

Anche nel campo della speleologia subacquea, grazie a collaborazioni con il Corpo Nazionale Soccorso Speleo (CNSAS) e con il Centro di Speleologia Subacquea “Apogon” si individuano, si esplorano e si effettuano i rilievi di numerose grotte ancora sconosciute, che danno ottimi risultati anche sotto l’aspetto scientifico. Per questo il diving collabora con l’Università di Lecce in vari progetti in Italia e all’estero per lo studio delle biocenosi di grotta.

La ricerca e la scoperta di zone dalle affascinanti caratteristiche biologiche, naturalistiche e ambientali, attraggono  varie troupe televisive (Rai, Mediaset e locali) che, con il nostro supporto,collaborano  nella produzione di filmati per la televisione .

Con serietà e competenza si effettuano inoltre servizi subacquei di ogni genere, esplorazioni, rilievi, campionamenti, monitoraggi ambientali, ricerche e recuperi subacquei e servizi video e foto sub.
  Photo Gallery
diving salento